rectangle ad

COSENZA: APPICCA UN INCENDIO E FUGGE VIA ARRESTATO DALLA POLIZIA DI STATO

img-20170802-wa0037

Giornata rovente in città: Oltre 40 gradi e clima da tropici.

Sono le 13,30 di oggi 2 agosto 2017, a Cosenza, quando un giovane di anni 37, Barone Andrea, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, con un accendino dà fuoco ad alcune sterpaglie in località Vagliolise in più punti vicini tra loro, e scappa via.

Immediata la segnalazione alla Sala Operativa della Questura di Cosenza che in pochi attimi invia sul posto equipaggi della Volante, UPGSP, della Polizia di Stato, del Reparto Prevenzione Crimine di Cosenza e della Polizia Ferroviaria che circondano Vaglio Lise.

Nel frattempo l’incendio si stava propagando dalle sterpaglie ad un canneto attiguo alla struttura dell’Ente Ferrovie , con uffici al cui interno si trovavano persone intente a lavorare ed ignare di quanto stava accadendo.

Il provvidenziale e tempestivo intervento della Polizia di Stato e dei Vigili del Fuoco ha consentito lo spegnimento di tutti i focolai evitando rischi e pericoli per le persone e le strutture circostanti.

Contestualmente è stata posta in essere una fulminea attività di polizia giudiziaria che ha permesso di rintracciare, grazie alle preziose indicazioni di un cittadino modello, il piromane, che nel frattempo si era rifugiato in un bagno delle Ferrovie, sporco di fuliggine e con ancora l’accendino usato per accendere i vari focolai intento a lavarsi ma con ancora calzini e gambe piene di fuliggine.

Le ricerche sono state immediate e continue fino quando, pochi minuti dopo, l’uomo, è stato riconosciuto quale autore del reato, facendo scattare l’arresto.

L’attività di Polizia Giudiziaria è stata posta in essere sotto il coordinamento costante della Procura della Repubblica di Cosenza diretta dal Procuratore Capo Dr Spagnuolo, particolarmente sensibile ed intransigente nel contrasto a questo pericoloso fenomeno che sta interessando la provincia.

Su espressa indicazione della Procura di Cosenza, dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato accompagnato presso il carcere di Cosenza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Fondamentale la segnalazione giunta al 113 della Polizia di Stato cosi come efficace è il coordinamento dell’Ufficio di Procura di Cosenza.

Nell’ambito del piano di coordinamento che interessa le varie FF.PP. indispensabile è il contributo immediato dei cittadini perché grazie alla collaborazione ed al buon senso civico di costoro, la prevenzione e la repressione dei reati è efficace.

rectangle ad